L’Ora di Gesù dal Papa Benedetto XVI
25 Maggio 2011

All’arrivo a San Pietro il primo pensiero è stato per il Papa Beato Giovanni Paolo II, sulla sua tomba abbiamo pregato mentre la mente si affollava di tanti ricordi. Ed è lì che abbiamo supplicato il Papa perché interceda presso Dio, affinchè la famiglia cristiana possa essere luce in questo momento di crisi.
E' stato in piazza San Pietro, in occasione dell’udienza del Papa, dove abbiamo assaporato tutta la gioia di appartenere alla Chiesa Cattolica, perché è lì in modo particolare che confluiscono da tutto il mondo, sentiamo quasi tutti i linguaggi, presenti quasi tutte le nazioni della terra, con la stessa fede, con lo stesso entusiasmo e con tanta sete di ascoltare il Papa.
In 470 rappresentanti dell’Ora di Gesù, accompagnati dal nostro amatissimo Pastore Mons. Benigno Luigi Papa, quando il Papa ci ha salutati c’è stato un grido fortissimo di gioia e poi in silenzio lo abbiamo ascoltato.
Il Papa ci ha detto:
“ Rivolgo un cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua italiana. In particolare, saluto i rappresentanti dell’associazione “L’Ora di Gesù” della diocesi di Taranto, accompagnati dal loro Pastore Mons. Benigno Luigi Papa, e li incoraggio a proseguire con gioia nel loro cammino di fede, diventando sempre più testimoni coraggiosi al servizio della vita e della dignità umana.” Le parole del Sommo Pontefice le scriveremo a grossi caratteri nella nostra mente perché saranno la guida per l’avvenire dell’Ora di Gesù.
Allora avanti con gioia nel cammino di fede, con lo studio assiduo della Parola di Dio, del Catechismo, per essere coraggiosi testimoni di Cristo.
Il Papa ci vuole al servizio della vita e della dignità umana. Dobbiamo veramente impegnarci in quest'attività perché noi cristiani crediamo che la dignità umana derivi innanzi tutto dalla dignità di Dio, Egli guarda ogni singolo uomo e lo ama come se si trattasse dell’unica creatura del mondo. Poiché Dio fissa il suo sguardo anche sulla più piccola delle creature, essa possiede una dignità infinita che non può in alcun modo essere distrutta da parte degli uomini .
Con quelle poche parole il Papa ci ha fatto capire che anche noi dell’Ora di Gesù, siccome abbiamo come scopo principale la santità della famiglia, dobbiamo lavorare. perché in tutte le famiglie ci sia il massimo rispetto per la vita dal concepimento fino al termine naturale.
Non è facile ciò che il Santo Padre ci ha indicato, con l’aiuto del Signore faremo ciò che è possibile. Il Papa ha detto : “ li incoraggio a proseguire “.
E allora avanti con entusiasmo, con gioia, ogni lunedì sera Gesù ci aspetta per parlarci ed ascoltarci.
Sarà contento Gesù, saremo felici anche noi.
Don Tommaso Rota