L'Ora di Gesù, Adorazione, Formazione eucaristica


Adorare Cristo

Ogni volta che il sacerdote pronuncia le parole della consacrazione è Gesù Cristo che lo fa e rende presente il suo corpo e il suo sangue, la sua Persona divina. Perché Gesù Cristo è vero Dio e vero uomo. Essendo Gesù Cristo Dio e essendo presente nell'Eucaristia, allora gli si deve adorazione.


Nell'Eucaristia adoriamo Dio in Gesù Cristo, e Dio è Uno e Trino, perché in Dio non ci sono divisioni. Gesù Cristo è uno con il Padre e lo Spirito Santo, e come insegna il Concilio di Trento, è veramente, realmente, sostanzialmente presente nell'Eucaristia.


La Chiesa crede e confessa che “nel sacramento dell'Eucaristia, dopo la consacrazione del pane e del vino, è veramente, realmente e sostanzialmente presente nostro Signore Gesù Cristo, vero Dio e uomo, sotto l'apparenza di quelle cose sensibili" .


La divina presenza reale del Signore, questo è il primo fondamento della devozione e del culto al Santissimo Sacramento. Qui è Cristo, il Signore, Dio e vero uomo, assolutamente meritevole della nostra adorazione e originata dall'azione dello Spirito Santo. La pietà eucaristica non è quindi fondata nel sentimento puro, ma proprio nella fede. Altre devozioni, forse, nel proprio esercizio spesso tendono a portare ad un maggiore stimolo del sentire, per esempio, il servizio della carità verso i poveri ", ma la devozione eucaristica, precisamente si basa esclusivamente sulla fede, sulla fede pura del Mysterium fidei ("Præstet fides Supplementum sensuum fede defectui : che la fede sostenga la debolezza del sentire; Pange Lingua.)


Pertanto, "questo culto di adorazione si fonda su un motivo serio e solido, che già l'Eucaristia è sia sacrificio e sacramento, e si distingue dagli altri non solo perchè comunica la grazia, se non perchè racchiude stabilmente il suo stesso Autore.


"Quando la Chiesa ci invita ad adorare Cristo, nascosto sotto i veli eucaristici, e a chiedergli i doni spirituali e temporali di cui abbiamo bisogno in qualsiasi momento, manifesta la fede viva con cui crede che il suo Sposo divino viva realmente sotto questi veli, gli esprime la sua gratitudine e gioisce della sua intima familiarità ".


Il culto eucaristico, stabilendo i quattro fini del Santo Sacrificio, rappresenta il culto rivolto al glorioso Figlio incarnato, che vive e regna con il Padre, nell'unità dello Spirito Santo, nei secoli dei secoli. E 'quindi un culto che rivolge alla Santa Trinità l’adorazione che gli si deve .


L'Eucaristia è il più grande tesoro della Chiesa offerto a tutti affinché tutti possano ricevere attraverso essa abbondanti grazie e benedizioni. L'Eucaristia è il sacramento del sacrificio di Cristo, del quale facciamo memoria e che rendiamo attuale in ogni Santa Messa ed è anche la sua Presenza viva in mezzo a noi. Adorare è entrare in relazione intima con il Signore presente nel Santissimo Sacramento.


Adorare Gesù nel Santissimo Sacramento è la risposta di fede e di amore a Colui che essendo Dio, si è fatto uomo, si fece nostro Salvatore , ci ha amati fino a donare la sua vita per noi e continua ad amarci di amore eterno. È il riconoscimento della misericordia e della maestà del Signore, che ha scelto il Santissimo Sacramento per rimanere con noi fino alla fine del mondo.


Il cristiano adorando Cristo riconosce che Egli è Dio, e il cattolico adorandolo davanti al Santissimo Sacramento testimonia la sua Presenza reale , vera e sostanziale nell'Eucaristia. I cattolici che adorano non solo compiono un atto sublime di devozione, ma anche danno testimonianza del più grande tesoro che ha la Chiesa , il dono di Dio stesso, il dono che fa il Padre del Figlio, il dono di Cristo di se stesso, il dono che proviene dallo Spirito: l'Eucaristia.


Il culto eucaristico è sempre di adorazione. Anche la comunione sacramentale implica necessariamente l’adorazione. Questo ricorda il Santo Padre Benedetto XVI in Sacramentum Caritatis quando cita S. Agostino: "Nessuno mangi questa carne senza prima adorarla ... peccheremmo se non la adorassimo" (SC 66). In un altro senso, l’adorazione è comunione, non solo sacramentale, ma sostanzialmente spirituale. Se la comunione sacramentale è prima di tutto un incontro con la Persona del mio Salvatore e Creatore, l'adorazione eucaristica è una estensione di tale riunione. Adorare è un modo sublime per rimanere nell'amore del Signore.


Quindi, vediamo che l’ adorazione non è qualcosa di facoltativo, opzionale, che si puo’ o non si puo’ fare, non è una devozione in più, ma è necessaria, è un dolce obbligo d’amore. Papa Benedetto XVI ci ricordava che l’adorazione non è un lusso ma una priorità.


Chi adora da testimonianza d' amore, dell'amore ricevuto e dell’ amore ricambiato, e molto di più da testimonianza della propria fede.


Davanti al mistero ineffabile non ci sono parole, solo silenzio adorante, solo presenza che parla ad un’altra presenza. Solo l’ essere creato davanti all’Essere, davanti all’unico Io sono, da dove viene la sua vita. È lo stupore di chi sa che Dio è qui! Veramente qui!


Le Grazie dell'Adorazione

Gesù è assolutamente la Persona più semplice al mondo con cui stare. Per esempio, tu potrai essere così stanco o preoccupato ma siediti, rilassati e goditi la pace che scaturisce semplicemente dalla Presenza di Colui che ti ama di più in assoluto, Gesù nel Santissimo Sacramento dice: “Gettate tutti i vostri affanni sul Signore che ha cura di voi” (1Pt 5:7), La mia pace è il Mio regalo per voi.” (Gv. 14:27) 
Maria Maddalena semplicemente si sedette ai Suoi piedi e Gesù disse che ella aveva scelto la parte migliore, la cosa necessaria, e ciò semplicemente per aver dedicato il suo tempo a tenergli compagnia, poiché riconobbe il dono della Sua amorevole Presenza. “Se semplicemente voi riconosceste il dono di Dio”, Egli disse. (Gv. 4:10)

Quando arriviamo alla Sua Presenza, nel Suo amore troviamo la nostra sicurezza, la nostra identità e la nostra dignità. 

Ogni momento che passiamo con Lui approfondisce la nostra unione con Cristo e renderà la nostra anima eternamente più gloriosa e magnifica in paradiso, poiché il Santissimo Sacramento è il Nostro Salvatore Risorto con tutta la gloria e la bellezza della Sua Resurrezione che fluisce sopra quelli che vengono alla Sua Presenza, a compimento della scrittura "Tutti coloro che guardano fisso il Signore vengono trasformati di gloria in gloria e resi proprio ad immagine e somiglianza di Dio stesso.” (2Cor. 3:18) “C’è qualcosa di troppo meraviglioso che il Signore può fare?” (Gen. 18:14) La tua ora di adorazione cambia il mondo. Quando i discepoli portano a Gesù in offerta 5 pani dicendo “Ma cosa è questo per tanta gente?” (Gv. 6:10) 
La Sua benedizione viene moltiplicata in una così grande abbondanza che sfama cinquemila persone con 12 canestri avanzati. Nello stesso modo avviene con la tua ora di adorazione.
Il tempo che tu dedichi a stare con Gesù è benedetto da Lui in un modo tale che Lui moltiplica la tua offerta in un’abbondanza di grazie per nutrire quelle persone nel mondo che più hanno bisogno della Sua misericordia.

Archivio
Dicono di noi
loradigesu.it - La Famiglia davanti al SS.Sacramento dalla Diocesi di Taranto
loradigesu@hotmail.com tel. 3349336554